Archivi tag: Aria (comunione)

Aria (comunione)

Mario Corticelli, «Aria (comunione)»

«oh che allegro vivace mondo! oh / gli aironi!»
Mario Corticelli è uno dei pochi autori italiani di ricerca che – con sguardo oggettivo/materialistico – riesce a nominare mondo e mente, paesaggio e cose, restando in felice equilibrio sul crinale fra ironia e affermazione frontale. Se un’esclamazione come quella qui in incipit («oh che allegro vivace mondo!») mette in campo una patente giocosità, l’a-capo introduce senza mezzi termini la natura, nella forma dei rischiosissimi (per altri autori, non per lui) ‘aironi’.
Sfilandosi via dal simbolo a cui non si lasciano inchiodare questi aironi attraversano le pagine scucendone e negandone di volta in volta dal risvolto tutte le tentazioni – appunto – alate. L’autore mette in campo in tutto il libro un severo – ma non accigliato – smontaggio di persuasioni, creature, naturalia: «inizia a smontare tutto». Il suo sguardo non manca di fissare in lunghe stringhe la fragilità delle nostre costruzioni del reale: «se li sposti dal loro angolino gli oggetti cadono, i giardinetti cadono, i piedini cadono, se li sposti dai loro piedini i corpi cadono». Corticelli lavora entro i margini di un’inquietudine che fa saltare tanto il tessuto pacifico che le valenze semantiche stabilite dei nostri rilievi e tracciati sociali, storici, quotidiani. Ricostruisce e cosí riconnota anche in forma allegorica (esemplarmente in la tenia degli aironi per esempio…) l’inganno del parassita che si trasmette di bestia in bestia, per esempio.
Se è il mondo animale (naturale) a garantire all’immagine o parola allegorica (ma: bloccata o ‘smontata’ sempre un passo prima dell’araldica) di trovare una propria casa, il percorso non è lontano da una tradizione anche novecentesca, tuttavia piegata se non spezzata da un velo – va ripetuto – ironico, a volte supportato da precisi riferimenti, visibili o semi-visibili (Lucrezio; o Leopardi: «convoca i viventi, mettili in un giardino»). Si tratterà quindi di un’ironia in qualche modo chiaroscurata, che nel suo declinarsi/inclinarsi – e perfino coscientemente sospendersi – sembra non aderire affatto ad alcuna persuasione circa i codici grazie ai quali il lettore dovrebbe sciogliere tanto le allegorie quanto le sequenze di immagini. Il nodo semantico, restando cosí parzialmente coeso, mantiene in tensione una noce opaca e intatta di senso che non è oscurità: semmai – come detto – inquietudine. (Marco Giovenale)

per leggere l’anteprima in pdf
• pagina Facebook

a stampa:

  • € 10,00 inclusa spedizione ordinaria per acquisti dal nostro sito
  • IkonaLiber, Roma, 2014. Isbn: 9788897778318
  • Pp. 76, f.to cm. 12×21.
  • Stampato su carte Fedrigoni Tintoretto e Burgo Diablo.
  • Acquistabile anche su AMAZON e IBS.
  • Per informazioni o acquisti da questo sito: scrivere utilizzando la pagina dei contatti

e-book:

  • 3,99 €
  • IkonaLiber, Roma, 2014. Isbn: 9788897778325
  • Pdf. Pp. 78.
  • Per acquistare: www.bookrepublic.it