Francesca da Rimini

Byron_FrancescaQuattro anni prima della propria morte Byron – descritto da Ernest H. Coleridge come «de facto if not de jure a naturalised italian» – affronta la traduzione «word for word and line for line» di un celebre passo della Divina Commedia.
L’ispirazione per quest’impresa gli è offerta dall’analogia fra la storia narrata da Dante nel quinto canto dell’Inferno e il proprio legame d’amore con Teresa Guiccioli, anch’essa ravennate come Francesca da Rimini e costretta a un matrimonio di convenienza. Il testo manoscritto, contenuto in una lettera datata Ravenna, 20 marzo 1820, e spedita da Byron a John Murray, verrà pubblicato postumo nel 1830 in The Letters and Journals of Lord Byron.
Edizione a tiratura limitata di 35 esemplari numerati e firmati, con una fotografia di Fabrizio M. Rossi.

a stampa:

  • 39,00 € in sconto:  20,00 €   **ultime copie disponibili**
  • IkonaLiber, Roma, 2013. Isbn: 9788897778080
  • Plaquette di pp. 12, f.to cm. 15,7×21,4.
  • Stampata su carte Cordenons Bakri e Schoeller Opaline. Rilegata a mano.
  • Acquistabile anche su AMAZON e IBS.
  • Per informazioni o acquisti da questo sito: scrivere utilizzando la pagina dei contatti